12 Oct 2020

Comprendere l'inverno per prevenirne le conseguenze

inverno
 

Durante il XVII secolo, le temperature sceserono così in basso che la Terra sperimentò una mini-era glaciale. Faceva così freddo a Londra che il Tamigi si era gelato!

Questo insolito clima freddo fu causato dall'assenza di macchie solari, una delle condizioni più strane che possono portare a un improvviso crollo delle temperature. Diamo un'occhiata ai motivi scientifici all'origine della stagione invernale e a ciò che può renderla imprevedibile. 

Cos'è l'inverno?

Sappiamo tutti che la Terra impiega 365 giorni (all'anno) per compiere un giro intorno al sole. L'inclinazione di 23,5° del nostro pianeta sul suo asse fa sì che ogni emisfero trascorra parte di questo viaggio inclinato verso il sole, con il risultato di temperature più calde, e parte dell'anno inclinato in direzione opposta, con il risultato di temperature più fredde.

Può sorprendere sapere che nell'emisfero settentrionale, durante i mesi invernali, la Terra è in realtà più vicina al sole di quanto non lo sia durante i mesi estivi. L'orbita terrestre non è un cerchio perfetto, ma piuttosto uno schema ellittico. Quindi non è la vicinanza al sole che determina le nostre stagioni, bensì l'inclinazione assiale, come detto sopra.

Durante i mesi estivi, i raggi del sole colpiscono quella parte della Terra con un angolo di incidenza maggiore e più diretto. La luce non si diffonde molto, quindi la Terra viene colpita in ogni punto da una maggiore quantità di energia. E con giornate leggermente più lunghe, la terra ha a disposizione più ore per assorbire il calore.

Nei mesi non primaverili o estivi, i raggi del sole colpiscono quella stessa parte della Terra con un angolo più piccolo e meno diretto, diffondendo così un'energia radiante meno intensa. E il fatto che le notti durino più a lungo lascia meno tempo per il riscaldamento. Questo è inverno.

Più ci si allontana dall'equatore, maggiore è l'intensità con cui questi cambiamenti si ripercuotono nel corso dell'anno. Ciò aumenta le probabilità di cambiamenti estremi e di eventi meteorologici imprevedibili, soprattutto se combinati con gli altri fattori che vedremo tra un attimo.

Correnti a getto e sistemi di pressione

Un fenomeno meteorologico esasperato dal clima invernale più a nord e più a sud è quello delle correnti a getto. 

Si tratta di stretti flussi d'aria intensa localizzati lungo i confini tra masse d'aria calda e fredda. Soffiano da ovest a est, seguendo la rotazione della Terra, ma gravitano verso i poli nord e sud. Inoltre, quanto più si allontanano dall'equatore, tanto più velocemente questi venti soffiano verso est. 

C'è però un fatto che complica le cose: le correnti a getto si spostano più lontano verso i poli in estate e più vicini all'equatore in inverno, ma i loro percorsi sono anche influenzati dagli incontri con l'aria calda e fredda, e dai sistemi ad alta e bassa pressione. A volte si dividono in due, formando percorsi diversi, e a volte si fondono assieme.

Poiché tracciano i confini tra l'aria calda e fredda, che sono più pronunciati durante l'inverno, le correnti a getto sono più evidenti nei luoghi dove gli effetti dell'inverno sono più rigidi. In altre parole, più ci si sposta verso i poli. Ciò rende queste zone particolarmente inclini al clima invernale irregolare, rispetto al quale può essere molto difficile fare delle previsioni attendibili.

E le macchie solari?

Mentre gli schemi stagionali sono facilmente prevedibili e i percorsi delle correnti a getto possono essere almeno in parte previsti di anno in anno, le macchie solari sono una faccenda completamente diversa.

Le macchie solari sono macchie scure che si formano sulla fotosfera, sulla superficie del sole. Queste macchie sembrano scure perché sono circa 2.000 gradi Kelvin più fredde del resto della fotosfera, ma quando rilasciano energia, causano enormi tempeste e brillamenti solari che emettono enormi esplosioni di calore. 

L'assenza di macchie solari significa che il sole sta emettendo un po' meno energia del solito, il che influisce sulla temperatura qui sulla Terra. Nel frattempo, poiché la Terra è inclinata sul suo asse, durante l'inverno i raggi del sole colpiscono la sua superficie con una minore incidenza angolare, diffondendo la stessa energia in uno spazio più ampio, mentre le lunghe notti lasciano poco tempo per riscaldarsi di nuovo. 

Questa sfortunata combinazione di minore energia e del fatto che essa si diffonde su uno strato più sottile, può significare inverni molto freddi.

Quest'anno, gli scienziati della NASA hanno rilevato che questo fenomeno si sta ripetendo. Essi prevedono che il sole raggiunga il suo "minimo solare" nei prossimi due anni. Ciò significa che per un po' di tempo potrebbe fare decisamente più freddo.

Questo potrebbe avere gravi conseguenze per il vostro cantiere, soprattutto se il vostro team di costruzione è esposto alle intemperie. Indipendentemente da quanto decidete di coprirvi, arriva un momento in cui le condizioni sono semplicemente troppo dure per lavorare.

Ciò cosa comporta per voi?

Non è solo il tuo personale a lottare contro il freddo. Il crollo delle temperature può rallentare il lavoro e causare il guasto di alcune attrezzature. Le colate di calcestruzzo vengono ritardate. Il terreno ghiacciato può essere impossibile da lavorare. Una bufera di neve può rovinare il vostro programma di lavoro, mettere fuori uso le vostre principali utenze o rendere impossibile entrare e uscire dal sito. 

Tutti questi problemi possono portare a un risultato simile: un rallentamento o un'interruzione completa dei lavori finché non vi sono le condizioni per riprendere

La chiave è non aspettare che ciò accada. Controllate subito il vostro cantiere per identificare ogni elemento che potrebbe essere interessato da un inverno insolitamente freddo e definite una strategia di alimentazione e riscaldamento temporanei per gestirlo. L'introduzione di generatori e riscaldatori elettronici o idronici può permettervi di portarvi avanti sulla tabella di marcia e di risparmiare sul budget.

Un adeguato piano di emergenza, sviluppato in tandem con una società di servizi pubblici temporanei di vostra fiducia, vi offre la tranquillità necessaria, derivante dalla consapevolezza che il backup funziona e l'attrezzatura giusta è disponibile nella vostra zona, nel momento in cui ne avete bisogno. In questo modo, l'impianto sarà pronto e funzionante in pochissimo tempo, qualunque sia il tempo a disposizione. Ignorate i segnali di avvertimento e vi troverete a muovervi sul ghiaccio sottile!