Preraffreddamento prodotti ortofrutticoli

verdure in una scatola in legno
 

PRERAFFREDDAMENTO

Il preraffreddamento è la rapida rimozione del calore di campo dalla frutta e verdura appena raccolta prima della spedizione, dello stoccaggio o della lavorazione.

Il rapido preraffreddamento inibisce la crescita di microrganismi che causano la decomposizione, riduce l'attività enzimatica e respiratoria, riduce la suscettibilità ai danni da etilene e riduce la perdita di umidità.

Pertanto, il preraffreddamento è in genere una procedura separata dallo stoccaggio refrigerato e richiede apparecchiature appositamente progettate.

Il preraffreddamento può essere effettuato con vari metodi, tra cui l'idroraffreddamento e il raffreddamento ad aria.

 

 

 

 

soluzione di idroraffredamento


 

IDRORAFFREDDAMENTO

Nell’idroraffreddamento i prodotti vengono spruzzati con acqua refrigerata o immersi in un lotto agitato di acqua refrigerata. La temperatura di ingresso del glicole nello scambiatore di calore è in genere -4°C, producendo un'acqua refrigerata di circa 1°C. Il propylene-glicole non entra mai a contatto diretto con il prodotto.
Per controllare la temperatura dell’acqua refrigerata ed evitare il congelamento è necessario un 3WV.

I VANTAGGI:

  • Raffreddamento rapido. Il processo di preraffreddamento può essere effettuato direttamente dopo la raccolta.
  • Molto utile per grandi produzioni. Risulta ideale per contenere i costi nelle grandi produzioni.
  • Efficienza energetica: solo il prodotto viene raffreddato. Non serve raffreddare gli spazi, che in questi casi risultano essere piuttosto ampi e quindi di difficile raffreddamento.
  • Riduzione dei microrganismi ed effetto funghicida. La temperatura abbatte possibili animali infestanti o spore di funghi che potrebbero rimanere nonostante il lavaggio preventivo.
  • Nessuna perdita di umidità del prodotto, può persino reidratarsi leggermente.
    Consumatore: prodotti di alta qualità.
    Produttore: maggiore massa vendibile.
 
 
RAFFREDAMENTO AD ARIA FORZATA

Il raffreddamento ad aria forzata o a pressione comporta modelli di cassette sovrapposte definiti e uno spostamento delle cassette in modo che l'aria di raffreddamento generata tramite dry cooler sia forzata attraverso, piuttosto che intorno, il singolo contenitore.

Una differenza di pressione relativamente contenuta tra i due lati dei container si traduce in una buona circolazione dell'aria e in un eccellente trasferimento di calore. Le pressioni differenziali in uso sono di circa 60 - 750 Pa, con portate d'aria che vanno da 1 a 3 L/s per chilogrammo di prodotto.

I VANTAGGI:

Molto utile per lo stoccaggio di grandi quantità di merci.
Permette un raffreddamento omogeneo dell’intero lotto all’interno dell’area di stoccaggio.
La temperatura del prodotto viene mantenuta costante evitando così dannosi sbalzi, che provocherebbero un danneggiamento del prodotto finale.
Consumatore: prodotti di alta qualità.
Produttore: maggiore massa vendibile.

 

Come possiamo aiutarti?

Troveremo insieme la soluzione più adatta a te